Gli occhi di 160 irriducibili spettatori presenti a Peppino Meazza sono vòlti a esorcizzare le nubi che minacciano pioggia. rossonero ha deciso di utilizzare un 4-4-2. Questa la formazione annunciata: Dehove – Nickberg, Fornarini, Magnaterra, Pavone – Ornaghi, Cuccu, Feola, Pintore – Ruttolo, Tuoto.

Deportivo ha deciso di utilizzare un 3-5-2. Questi i giocatori in campo dal primo minuto: Zigdon – Badaloni, Niittyranta, Čule – Şerbetçioğlu, Bieleveld, Navío, Berloo, Peren – Engh, Aranha.

Giuseppe Fornarini sfiora il vantaggio per i padroni di casa al 3° minuto: si era presentato al tiro dopo uno scatto a tagliare centralmente la difesa avversaria, la palla però è finita di poco a lato. Fallaccio! Al minuto 12°, Deportivo ha un giocatore ammonito. È Jorn Berloo a finire sul taccuino dell’arbitro. Solo un cartellino giallo per William Pintore di rossonero, dopo una brutta entrata da dietro al 13°. Federico Magnaterra applaude sarcasticamente il direttore di gara per l’assegnazione di un fallo laterale, non facendo altro che raccogliere un cartellino giallo. La situazione non è certo facile, e nessuna delle due squadre sembra in grado di portarsi in vantaggio. Nonostante tutto, Maxime Dehove non si lascia prendere dal nervosismo e al 22° anticipa sulla linea Marko Čule, pronto a deviare la palla in rete. Sono trascorsi 25 minuti di gioco quando Hasan Cihat Şerbetçioğlu, vedendosi saltato in dribbling, si aggrappa alla maglia del suo diretto avversario strattonandolo vistosamente. L’arbitro non può esimersi dall’ammonirlo. rossonero ha una ghiotta occasione per passare in vantaggio al 26° minuto, quando un bel cross dalla destra pesca Federico Magnaterra tutto solo davanti al portiere. Il giocatore però non riesce a coordinarsi e la palla si stampa sul palo. Sono trascorsi 27 minuti di gioco quando William Ornaghi, vedendosi saltato in dribbling, si aggrappa alla maglia del suo diretto avversario strattonandolo vistosamente. L’arbitro non può esimersi dall’ammonirlo. Si conclude così il primo tempo sul punteggio di 0 a 0, le due squadre vanno negli spogliatoi a prendere un thè caldo. Il possesso di rossonero è stato superiore a quello avversario, con un discreto 54%.

rossonero fa breccia sulla fascia sinistra, Gianni Feola lascia partire un tiro angolatissimo che porta in vantaggio i padroni di casa: 1 a 0. Solo un cartellino giallo per Baudelio Navío di Deportivo, dopo una brutta entrata da dietro al 60°. Deportivo pareggia al 65° minuto portandosi 1 a 1, Christian Engh mette in rete dopo una bella triangolazione al centro dell’area di rigore. Deportivo passa in vantaggio al 75°. Leonardo Aranha, liberatosi sulla sinistra, mette il pallone là dove il portiere non può arrivare: 1 – 2. Il pubblico di casa tira un sospiro di sollievo: forse non sarà una disfatta. Al 78° Leonardo Aranha riesce infatti a tirare da posizione centrale, ma il portiere blocca a terra con sicurezza. La partita si è innervosita parecchio negli ultimi minuti. Jorn Berloo al 81° ha ricevuto il secondo cartellino giallo dell’incontro, guadagnandosi la doccia anticipata. Un duro colpo per Deportivo. Questi 45 minuti hanno visto prevalere rossonero, con una percentuale del 58%.

Fabio Cuccu è stato autore di giocate memorabili, senza dubbio il migliore in campo nelle file di rossonero. Federico Magnaterra non ha offerto una prestazione degna delle sue migliori giornate.